oggi il rilascio di uno squalo elefante impigliato nelle reti

Oggi Antonio Macrillò si trovava sul porto di Le Castella  , quando gli viene chiesto se voleva aiutare uno squalo elefante impigliato nelle reti a prendere il largo…indossa  subito la muta e via in acqua insieme a MariaRita E Fiore Macrillò e la biologa Stefania giglio … Portano  lo squalo su un fondale di 30 m lo fa ossigenare tra le sue  braccia e poi via nel blu… Un paio di tuffi insieme a lui prima di vederlo sparire insieme al suo modo elegante di nuotare…emozioni che solo il mare può dare..

il commento della biologa :

Ringraziamo Gualtieri Rocco, Carmine Megna, Fiore e Antonio Macrillo per averci aiutato a salvare questo rarissimo, protetto ed innocuo squalo. Nelle foto i momenti prima della liberazione effettuata a largo di Le castella (KR) dopo la corretta ossigenazione dell’animale. Ringraziamo inoltre tutti gli altri pescatori che questa mattina ci hanno chiamato. Questo importante evento conferma la sensibilità che i Pescatori di Le Castella (Professionisti e Apneisti) hanno nei confronti della tutela della Biodiversità marina, continuando a dimostrare collaborazione e stima nei nostri confronti e fiducia nella Rete Regionale Spiaggiamento e nel Centro Studi Cetacei…..e delle loro biologhe!!! L’animale era un cucciolo di
Cetorino, di un po’ più 2 metri, si tratta di uno squalo che può raggiungere i 13 metri di lunghezza e oltre 6 tonnellate di peso, vive in acque aperte, raramente presso le coste e non è considerato pericoloso. Grazie a tutti per averla salvata.

ecco cosa sono i pescatori in apnea… tra poco ci sarà il video

1972473_10203346943978075_1155552608_n1620815_10203346893016801_590302291_n

1922263_691536440890895_1732857659_n 1978683_691535964224276_2038548999_n

1622109_691537154224157_1073181402_n  1622696_691537080890831_121474037_n (1) 1779084_691537117557494_1386563268_n

3 thoughts on “oggi il rilascio di uno squalo elefante impigliato nelle reti

  1. Pingback: rilascio di un cuccioletto a Le Castella! | il blog dell'Operazione Squalo Elefante

  2. Veramente, rispetto ad una ventina di anni fa, le cernie sono molte di più…invece sono molto diminuite di numero le spigole, i dentici, le ricciole ed i saraghi, almeno dalle parti mie.
    Le spigole sono state decimate dei pescatori con la canna che hanno fatto stragi di spigolette di due etti pescando col bigattino e subiscono la competizione crescente di barracuda e pesci serra.
    I dentici sono stati pesantemente falcidiati a vertical jigging ed a traina col vivo,oltre che coi tramaglioni dai professionisti.
    I saraghi dai tramaglioni e dalla trainetta in acqua bassa.
    Le ricciole dai cencioli, che sterminano tutto il branco di notte.
    Invece , per fortuna, di cernie e cerniotte ne vedo sempre di più in giro!
    Queste osservazioni sono comuni a tutti i pescatori in apnea di alto livello delle coste laziali.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...